Citypage Milano

Primo nella tua zona

Home / arti marziali / Palestre, una agonia infinita.

Palestre, una agonia infinita.

img

Spostamenti tra regioni vietati fino al 27 marzo.

Il blocco degli spostamenti tra regioni, per il momento, è previsto fino al 27 marzo ma, è prevedibile che venga allungato fino a dopo Pasqua. Resta possibile spostarsi solo per motivi di lavoro, salute, necessità o per far ritorno alla propria residenza, domicilio o abitazione. In zona rossa poi è proibito andare a trovare amici o familiari come invece si può fare, due alla volta con bambini sotto i 14 anni, in zona gialla o arancione.

Per i musei possibile riapertura anche nel weekend

Nella riunione fissata per sabato il Cts potrebbe dare il via libera alla proposta del ministro Franceschini su musei e mostre. Oggi nelle Regioni in zona gialla i musei sono aperti solo nei giorni feriali. La richiesta è quella di renderli visitabili anche nei weekend e nei festivi.

Limiti agli spostamenti nelle seconde case

Chi vive in fascia gialla e in fascia arancione può andare nelle seconde case anche se si trovano fuori regione. Chi vive in fascia «arancione scuro» e in zona rossa non può uscire dal comune di residenza e dunque non può andare nelle seconde case

Improbabile la riapertura dei ristoranti la sera

Nonostante le richieste che arrivano dalla Lega, da alcuni governatori e dalle associazioni di categoria, l’apertura serale dei ristoranti in fascia gialla sembra improbabile. Troppo alto — questo dicono gli scienziati — il rischio causato dalla circolazione delle persone e soprattutto dagli assembramenti. Se non verrà concessa, i locali dovranno chiudere entro le 18 con l’obbligo di limitare la presenza allo stesso tavolo a quattro persone. Dopo le 18 e fino alle 22 solo domicilio o asporto, limitatamente ai locali con cucina ma non a chi vende solo bevande. In zona arancione e rossa solo domicilio o asporto.

Piscine e palestre chiuse

Il Cts ha già raccomandato la massima cautela per la ripresa delle attività sportive e dunque anche palestre e piscine continueranno a rimanere chiuse. Si sta valutando la possibilità di autorizzare esclusivamente le lezioni individuali. Restano consentite, anche in zona rossa, le attività motoria e sportiva individuali e all’aperto.

Abbiamo sotto l’ un per mille di contagi nei luoghi di ricreazione. Un dato che dimostra quanto questi luoghi non rappresentino una minaccia per la salute del paese. La maggior parte delle patologie degenerative viene curato in questi luoghi.

Un elemento di valore e non di fastidio che attualmente viene gestito come se gli Hub della salute fossero altri.

Sport da combattimento, arti marziali, fitness, altletica e sopratutto le piscine in cui le condizioni sanitarie sono ancor più sotto controllo per presenza di cloro e disinfettanti per la persona.

  • Facebook
  • Linkedin
This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :